Benedict Park School – Capitolo 5

Benedict Park School – Capitolo 5
Capitolo 5

Dean era seduto nella sala da pranzo in attesa di Robert quando due ragazzi più anziani entrarono. Uno dei due lo vide e si diresse al suo tavolo.
Dean li guardò, uno era alto circa un metro e ottantacinque, capelli biondi ondulati e l’altro lievemente più basso con capelli castani rasati.
Il ragazzo disse: “Mi spiace, uomo, ma tu non può sederti lì, i nuovi devono sedersi là” ed indicò un altro tavolo.
Dean sorrise: “Allora vi suggerisco di andarvi a sedere là.” Il ragazzo afferrò Dean: “Ascolta uomo, non so chi tu sia ma io sono un prefetto e quello che dico si deve fare.”
In quel momento Robert entrò e gridò: “Hoi Milton, lascialo in pace, è con me e gli ho detto io di sedersi là, quindi fottiti.”
Milton si girò: “Conosci le regole, i nuovi devono sedersi là.”
“Il direttore ha fatto un’eccezione per Dean, ok?”
Robert prese il suo cibo e si sedette vicino a Dean: “Non preoccuparti di quel cazzone, pensa di essere speciale perché suo papà è un parlamentare ma è un nessuno.” Dean rise: “Sì, è probabile ma se è la regola che tutti i ragazzi nuovi devono sedersi là, magari ti metti nei guai.”
“Non mi metterò nei guai per averti permesso di sederti con me, sei l’unico ragazzo nuovo e comunque lui non mi denuncerà”

Più tardi quel giorno

Robert e Dean erano seduti nella loro stanza quando bussarono. Dean si alzò, aprì e vide Milton ed un altro ragazzo.
Rob si fece avanti: “Cosa diavolo vuoi?”
“Mr Granger vuole vedere te ed il tuo compagno nel suo ufficio immediatamente”
Rob lo guardò: “Ok, lo faccio subito.” E sbatté la porta sulla faccia di Milton.
Dean si girò e disse “Chi diavolo è Mr Granger?” Robert sorrise: “Mr Granger è il nostro preside e non preoccuparti, è un brav’uomo che non ha simpatia per Milton.” “Ok, va bene.”
“L’unico problema è che lui è un fanatico per le regole, quindi sarà bene che ci mettiamo in ordine le uniformi prima di andare a trovarlo.” I ragazzi si cambiarono rapidamente mettendosi l’uniforme che comprendeva camicia bianca, pantaloni grigi, cravatta a strisce e blazer blu col logo di Benedict Park. Rob vide Dean così per la prima volta: “Wow, sei veramente carino!”

I ragazzi arrivarono all’ufficio di Mr Granger e Robert bussò.
“Entrate” Dissero severamente da dietro la porta.
Robert entrò per primo seguito lentamente da Dean.
Mr Granger sorrise: “Hargreaves, ho sentito dell’incidente nella sala da pranzo con Milton”
“Oh signore, non è stato un incidente, quando sono arrivato ho trovato Milton che come al solito stava addosso ad un nuovo, Dean Bennett intendo, e gli ho detto che il direttore aveva deciso di fare un’eccezione al protocollo dato che Bennett è l’unico ragazzo nuovo”
Mr Granger sorrise: “Effettivamente Milton non si sta comportando bene e dato che abbiamo avuto molte lamentele per il fatto che ultimamente intimidiva i ragazzi più giovani, l’abbiamo rimosso da prefetto, volevo rassicurare Bennett che tutto andava per il meglio e chiedere a lei se ci avrebbe fatto l’onore di prendere la posizione vacante di prefetto.”
“Allora Bennett, tutto ok?” Chiese Mr Granger guardando il giovane.
Dean sorrise: “Sì grazie, signore, tutto bene, Rob, voglio dire Hargreaves mi aiuta.”
Mr Granger si girò verso Robert: “Allora Hargreaves prenderà la posizione di prefetto?”
Robert sorrise: “Sì, signore, sarà un onore seguire i passi di mio padre e dei miei zii diventando prefetto”
Il preside sorrise: “Bene, ragazzo, penso che lei sappia che la maggior parte dei suoi doveri dovranno essere svolti mentre lei condivide l’appartamento con Matthews.”
“Sì signore, so quello che comporta essere un prefetto e qualsiasi cosa io non conosca lo chiederò a Matthews ed a Brooke signore.”
“Ok, mi rimane solo una cosa da fare, darle il distintivo da prefetto.”
Rob si mise il distintivo e lui e Dean tornarono verso il loro appartamento. Rob vide Milton che stava strapazzando una matricola e disse a all’amico: “Conosci la via di ritorno, vai da solo, io ho da fare.”
Dean sorrise: “Ok.”
Robert si avvicinò alle spalle di Milton e gridò: “Milton!”
Milton si girò: “Cosa cazzo vuoi Hargreaves, questo è un problema tra me e questa piccola merda.”
Robert afferrò ragazzo più giovane e disse: “Morris, torna nella tuo alloggio, ci vediamo tra poco.”
Milton guardò Robert e disse: “Questo non ha niente a che fare con te!” Robert sorrise: “Bene Milton, sono un prefetto e non tollererò che si intimorisca, da quello che ho visto tu stavi intimorendo un ragazzo del primo anno.” Milton sembrò scioccato: Cosa stai dicendo?”
Robert mostrò il suo distintivo: “Sì, lo sono ed ora ti confinerò nel tuo appartamento in attesa di ulteriori investigazioni, quando avrò fatto il mio rapporto lo consegnerò a Mr Granger, ok?”
Milton andò in camera sua furioso per essere stato umiliato di fronte ad un gruppo di matricole. Decise che si sarebbe vendicato di Hargreaves, andò al suo appartamento ma lo trovò chiuso.
Robert parlò con molte matricole ed ormai le accuse contro Milton erano tanto evidenti da poter compilare il rapporto per Granger ma non era sicuro che questa fosse la strada corretta da percorrere; decise di aspettare fino al giorno seguente finché Joshua non fosse arrivato.
Disse al cuoco che Milton era confinato in camera sua e di portargli là il cibo. Milton si sentiva molto solo senza il suo compagno Jamieson. Questi vide Robert e gli chiese se gli andava bene che andasse a far visita a Milton.
Robert sapeva che i due erano più che solo amici: “Sì ma resterai chiuso dentro con lui.” “Grazie Hargreaves, so che tu stai solo facendo il tuo lavoro.”
“Vieni con me, ti scorterò da lui e comunque devo parlargli.”

Robert aprì la porta e vide Milton, che sembrava molto agitato, seduto sul letto; guardò Jamieson e gli fece segno di aspettare fuori un minuto.
Poi si avvicinò: “Guarda David che non avevo alternativa, tu conosci le regole come me ed io so che tu ti saresti comportato nella stessa maniera.”
Milton lo guardò: “Lo so Rob, mi spiace, sono stato uno stupido, avrei dovuto lasciarlo andare, ma quel Weston è stato un bastardo ed ogni volta che lo riprendevo rideva.”
“Ok David, verrò a sentire la tua versione, ma ora hai una visita.” e disse a Jamieson di entrare.
La faccia di Milton si trasformò in un sorriso quando Simon entrò. “Ok ragazzi, ora vi lascerò in pace ma vi devo chiudere dentro.” Si girò, mentre usciva vide i due che si scambiavano un bacio e pensò che era ora di tornare da Dean.

Chiuse la porta a chiave lasciando in pace i due innamorati.
Simon afferrò David e gli tolse i vestiti, poi cominciò a leccargli e succhiargli i capezzoli facendolo lamentare rumorosamente. Fece correre lentamente la lingua in basso verso il cazzo pulsante del ragazzo. David gemette sempre più forte quando l’amico cominciò a far correre la lingua su e giù sul pene palpitante. Simon stava succhiando sempre più forte mentre David gemeva sempre più forte, poi non riuscì più a resistere ed emise un gemito enorme mentre il suo uccello esplodeva riempiendo la calda bocca dell’amico con un carico massiccio del suo sperma appiccicoso e caldo.

Nel frattempo,

Robert ora era nel suo appartamento e stava baciando appassionatamente Dean che in breve fu nudo e l’amico cominciò a far correre la lingua su e giù sul suo sedere sexy. Dean si lamentava ed anelava mentre il suo amico gli leccava il culo stretto sempre più velocemente facendogli diventare il cazzo sempre più duro. Rob cominciò a penetrargli il sedere prima con uno e poi due dita muovendole dentro e fuori e facendolo anelare sempre più forte. Più Rob andava veloce e più Dean si lamentava, poi Robert sostituì le dita col suo uccello palpitante e cominciò a fottergli il sedere stretto. Dean gemeva sempre più forte sentendo l’uccello andare dentro e fuori del suo sedere e cominciò a masturbarsi al ritmo della verga del suo amore. Più Rob andava veloce più velocemente Dean di sparava la sega, poi emise un gemito enorme ed il suo cazzo esplose coprendogli il torace liscio, fiotto dopo fiotto del suo sperma. Rob gemette mentre il suo uccello cominciava a riempire il sedere dell’amico con getti ripetuti del suo succo. I ragazzi si baciarono e si addormentarono uno nelle braccia dell’altro.

La mattina seguente

Dean si svegliò la mattina seguente scoprendo che Rob se ne era già andato e notò un biglietto sulla tavola, lo prese, diceva: ‘Mi spiace baby, devo andare per risolvere il problema di Milton, ritornerò appena possibile.
Ti amo
Rob Xxx’
Dean si vestì e non appena nella stanza comune vide entrare due ragazzi e si presentò: “Ciao io sono Dean Bennett.”
Uno dei due era un fusto biondo, lo fissò negli occhi e sorrise: “Ciao io sono Josh Matthews, come mai stai con Rob?”
“Suo papà mi paga la retta, così io condivido la stanza con lui.”
L’altro ragazzo sorrise: “Benvenuto nell’harem, Dean, io sono Andrew Brookes ma tu puoi chiamarmi Andy, dove è il capo?”
“Sta risolvendo un problema con Milton”
“Ancora?”
“Ma Milton non è più prefetto e Rob ora ha il coltello dalla parte del manico, per così dire.”
Andy e Josh esclamarono insieme: “Che figata!”
Poi Andy disse: “Wow, tre prefetti in una stanza, dovrai stare attento!”
In quel momento entrò Rob ed andò subito ad abbracciare i due amici: “Vedo che avete conosciuto il mio nuovo ragazzo.”
Dean rise e disse “Sì, ci siamo incontrati e ho detto loro della tua nuova posizione”
Josh disse: “Come mai Milton è stato giubilato?”
“Tutta colpa di uno del primo anno, James Weston lo conoscete?”
E Andy: “Sì, so che piccolo stronzo è, è stato ripreso molte volte da tutti i prefetti ma il preside non gli farà niente, suo papà è un deputato o qualche cosa del genere.”
“Questa volta il Preside sta facendo qualche cosa perché è stato espulso dalla scuola e Milton è stato riabilitato come prefetto ma grazie alla mia indagine anch’io rimarrò prefetto”
“Wow, come hai fatto a convincere il Preside?”
“Ho parlato a mio papà questa mattina e gli ho spiegato quello che avevo scoperto su quell’idiota e lui mi ha detto di dire al Preside che se non avesse preso qualche provvedimento con Weston, lui avrebbe smesso di procurare sponsor alla scuola e ha funzionato!”

Bussarono alla porta ed entrò un Milton molto sollevato insieme al suo amico Jamieson.
“Sono venuto a ringraziarti.”
“É’ mio compito verificare i fatti prima di incolpare qualcuno, quindi non hai niente di cui ringraziarmi.”
“Ho deciso di non accettare il compito di capo prefetto e ho suggerito il tuo nome per sostituirmi.”
“Grazie ma no, quel ruolo dovrebbe andare a qualcuno con un po’ più di esperienza come Josh o Andy.”
“Voglio anche dire che mi spiace per averti rotto le s**tole in questi ultimi tempi e ringraziarti ancora.”
I due ragazzi se ne andarono e Rob guardò Josh ed Andy che erano rimasti a bocca aperta per quello che aveva detto Milton: “Wow, non posso credere che l’abbia fatto.”
Josh sorrise: “Penso che avesse ragione, saresti un ottimo capo prefetto.” E Andy approvò.

Bussarono alla porta, Rob aprì e vide una matricola molto impaurita.
“Sì?”
“Mr Granger chiede se per favore Hargreaves può andare nel suo ufficio.”
Rob sorrise al giovane: “Ok ragazzo, vado e non c’è bisogno di essere spaventato, non ti voglio mangiare.”
Il ragazzo sorrise: “Ok Hargreaves, grazie.”
Rob chiuse la porta e prese il suo blazer: “Sembra che Granger voglia vedermi.”, si avvicinò a Dean, lo baciò e disse “A dopo sexy” e se ne andò.

Rob tornò dopo mezz’ora: “Bene ragazzi, abbiamo un nuovo capo prefetto.” Disse sfoggiando il suo luccicante distintivo d’oro da prefetto.
Poi prese per mano Dean e lo condusse in camera da letto mentre Josh ed Andy ridevano.

Yorum bırakın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir